Visione internazionale, si… ma come?

Chi ci segue avrà capito che EuropaBook è allergica agli stereotipi e che ci piace la concretezza. Nel mese di agosto abbiamo pensato a come affrontare l’interrogativo “come sviluppare una visione internazionale per la mia azienda”? Senza pretendere di essere esaustivi, un’attenta lettura dei cambiamenti legislativi di un Paese ci dice molto sui cambiamenti nell’economia. La parte più strategica – e difficile – è interpretare i “segnali di fumo”. Qualche esempio.

I Cinesi - guidati dal loro pragmatismo asiatico - hanno incrociato le opportunità legate agli accordi commerciali UE – Marocco con il basso costo del lavoro. A marzo 2018, il Marocco ha firmato l’accordo per l’istituzione di una zona di libero scambio continentale africana (ZLECA), per un mercato comune di oltre 500.000 milioni di consumatori. Si prevede che la zona di libero scambio porterà entro il 2022 all’incremento di oltre il 52% del commercio intra-africano. La firma degli accordi permette l’esportazione sul mercato EU di beni agricoli prodotti in Marocco a costi super competitivi rispetto ai costi europei. Il risultato è la crescita d’investimenti cinesi in questo settore…

Alcuni paesi dell’Africa occidentale hanno approvato leggi che riducono – ed in alcuni casi  vietano - l’esportazione di legno grezzo non lavorato. Per i professionisti del settore, questa modifica legislativa apre le porte agli investimenti nel settore della trasformazione del legno nel Paese. Se il paese non può più esportare legno grezzo, la trasformazione è inevitabile con relativa apertura di nuovi mercati ed opportunità di occupazione.

EuropaBook accompagna le PMI che hanno visione sui mercati esteri.  Siete curiosi? Scriveteci

Author: 
roberto carpano
News category: 
Banking and Financial Services